Partito il laboratorio di Progetto Giovani

Parafrasando una celebre frase di David Bowie che ricorre spesso in questi giorni è “Possiamo essere Sindaci, solo per un giorno” ma è certamente limitativa rispetto alle potenzialità di questa iniziativa rivolta ai giovani cittadini del Comune di Isso.

Progetto Giovani è il primo GovDojo, ovvero un laboratorio per scoprire e sperimentare come funziona la pubblica amministrazione e le dinamiche che la regolano in un modo alternativo e estremamente coinvolgente.

Per la prima volta nella storia del Comune di Isso dei giovani hanno messo piede nella Sala consiliare, non per essere premiati, ma per partecipare ad attività che li hanno visti (e li vedranno nelle prossime settimane) protagonisti.

I lavori sono iniziati con il commissariamento della città, necessario per spiegare le regole del laboratorio e l’interfaccia del gioco, subito dopo l’estrazione del primo Sindaco junior: dopo la costruzione dei primi quartieri residenziali, Valerio ha pensato subito alla fornitura di energia costruendo una centrale eolica. L’alta domanda di aziende agricole è stata soddisfatta da Iris che ha pianificato le zone per le fattorie, fornendole di acqua ed energia elettrica mentre nel mandato successivo, Paola ha creato nuovi posti di lavoro per i cittadini grazie a un piccolo polo industriale. Al secondo mandato, Valerio si è occupato del tempo libero costruendo un campo da calcio e della caserma dei pompieri a causa di un incendio scoppiato in città. Iris ha messo fine al crimine in città piazzando una piccola caserma della polizia. Infine Paola ha rinunciato alla casa del Sindaco concessa dai cittadini (ma a spese della collettività), risparmiando 1800§.

Cosa abbiamo imparato da questa prima esperienza?

  • Le zone residenziali hanno bisogno di energia elettrica, acqua e pulizia dai rifiuti prima che i cittadini possano costruire le proprie abitazioni.
  • Il bilancio è un importante strumento per controllare tutte le spese ma anche per sapere quanti soldi si hanno a disposizione da spendere.
  • “Non bisogna partire subito con le cose fatte in grande, ma con calma” (cit. dalla scheda di autovalutazione)

Tutti volevano prendere il mouse, tutti volevano partecipare, tutti volevano dare il proprio contributo alla costruzione di un pezzo della propria città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *